SOLIDARIETA' CONCRETA

SOLIDARIETA' CONCRETA

Conto BancoPosta Numero: 1004906838 Intestato a: DAVY PIETRO - CEBRARI MARIA CHIARA

IBAN: IT22L0760101000001004906838 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX

PAYPAL: www.laboratoriocivico.org


lunedì 13 giugno 2016

Arrivederci all'anno prossimo!

Ringraziamo, in ordine sparso, tutti i partecipanti:

Paolo Cognetti, Paolo Ferrari, i Lou Dalfin: Sergio Berardo, Dino Tron, Chiara Cesano, i ragazzi del collettivo "Mauvaise Troupe" della ZAD di Notre-Dame-des-Landes, Roberto Schellino, Enrico Camanni, la redazione della rivista "Nunatak", Daniele Pepino di Tabor Edizioni, Valerio Evangelisti - Sandro Moiso - Alessandra Cecchi (Alexik) - Franco Pezzini della redazione di Carmilla, Tullio Bugari, Riccardo Humbert, Riccardo Borgogno, Roberto Gastaldo, Corrado Dottori, Corrado Bianchetti, gli operai delle fabbriche autogestite Fralib di Marsiglia, della Rimaflow di Trezzano sul Naviglio e della Zanon di Neuquén in Argentina.

Ringraziamo tutti i piccoli editori che con coraggio e perseveranza continuano a pubblicare opere "fuori dal coro" che ci permettono di conoscere nuovi autori, esperienze, idee e personaggi indispensabili per continuare a pensare e ad andare - sempre - in direzione ostinata e contraria.

Un grazie particolare a Renato Sibille e Roberto Micali di ArTeMuDa e a Paola Francesca Iozzi per gli intensi e divertenti momenti di teatro che ci hanno regalato.

Ringraziamo inoltre il Critical Wine, il Comune di Bussoleno per il patrocinio all'iniziativa, l'osteria La Credenza, 19.Coop per il supporto tecnico, e tutte le amiche e amici del movimento NoTav che, come sempre, ci hanno dato il loro aiuto concreto.

Infine un affettuoso saluto a Serge Quadruppani, che è stato l'ideatore dell'iniziativa e che speriamo di riavere con noi l'anno prossimo.

Le iniziative per l'estate nella "Valle che resiste" sono appena all'inizio. Fra tutte, ricordiamo che dal 22 al 24 luglio Venaus ospiterà il primo festival dell'ALTA Felicità e saranno giorni pieni di musica e mille altre cose.

Come Montagna di libri ci rivedremo per l'edizione 2017.
UNA BUONA E CALDA ESTATE A TUTTI!

domenica 12 giugno 2016

Domenica in Clarea e al presidio di Venaus

 Passeggiata in Clarea



Momenti di teatro in Clarea

Renato e Roberto di Ar.Te.Mu.Da leggono alcuni capitoli da "Là nella Valle " di Sandro Moiso
(da CarmillaOnLine)




"3 luglio 2011. Ricordi di una giornata di lotta" spettacolo teatrale di Paola Francesca Iozzi




Presidio di Venaus

Incontro con i lavoratori delle fabbriche autogestite Rimaflow (Italia), Fralib (Francia) e Zanon (Argentina).





sabato 11 giugno 2016

Sabato sera con i Fralibos di Marsiglia

Gli operai della Fralib di Marsiglia, oltre ad autogerstire la loro fabbrica e produrre ottimi té e tisane, suonano anche in un gruppo musicale "Los Fralibos" e ci hanno dedicato il concerto di questa sera, carico di energia e di voglia di ballare.





  video


Sabato pomeriggio incontro-dibattito "Narrare gli incendi, bruciare i recinti" e presentazione Corrado Dottori



Borgogno, Gastaldo, Bugari e i redattori di Carmilla

 altri momenti del pomeriggio



Paola Meinardi presenta il libro di Corrado Dottori "Non è il vino dell'enologo": dalla Bocconi e dal lavoro in banca a Milano a Cupramontana per fare il vignaiolo.


  
Corrado Bianchetti è tornato a trovarci con il suo graphic novel "Non ti scordar di me"

Sabato mattina incontro-dibattito "Narrare i conflitti, travolgere i confini"


alcuni momenti dal dibattito del mattino con Camanni, Schellino, i redattori di Nunatak e i ragazzi di Notre-Dame-des-Landes



venerdì 10 giugno 2016

Venerdì sera con i Lou Dalfin

Paolo Ferrari e Sergio Berardo presentano il libro
«Lou Dalfin 
Vita e miracoli dei contabbandieri di musica occitana»


video



Venerdì: Paolo Cognetti dialoga con Matteo Poletti



e ci parla dei suoi libri.

Da Milano a New York, infine alla solitudine di una baita a 2000 mt in Val d'Aosta, con due unici vicini di casa e un cane.

Da Rigoni Stern a Krakauer, riflessioni sulla solitudine, su come i libri (di altri) possano cambiarci la vita, sull'imparare - e riuscire - a stare da soli, sulla montagna e sui montanari.


"... ma a trenta avevo quasi dimenticato com'era stare solo in un bosco, o immergermi nudo in un torrente, o correre sul filo di una cresta dopo cui c'è soltanto cielo. Quelle cose le avevo fatte ed erano i miei ricordi più felici. Il giovane uomo urbano che ero diventato mi sembrava l'esatto contrario di quel ragazzo selvatico, così nacque in me il desiderio di andare a cercarlo. Non era tanto bisogno di partire, quanto di tornare; non di scoprire una parte sconosciuta di me quanto di ritrovarne una antica e profonda, che sentivo di aver perduto."




giovedì 9 giugno 2016

Domenica 12 giugno Clarea e Venaus programma della giornata

ore 10.00   PASSEGGIATA e INTERVENTI TEATRALI 

in CLAREA - ritrovo al presidio NoTav di Venaus

"3 luglio 20122. Ricordi di una giornata di lotta"
spettacolo teatrale di Paola Francesca Iozzi
letture sparse a cura dell'associazione ArTeMuDa

pranzo al sacco

ore 16.00   INCONTRO E DIBATTITO

 

Esperienze di autogestione:

operai della fabbrica Fralib (ex Lipton), Marsiglia 

operai della fabbrica Zanon, Argentina 

operai della fabbrica Rimaflow, Trezzano sul Naviglio

 



 


Una montagna di libri nella valle che resiste i partecipanti

Dire con poche parole chi sono gli autori che partecipano alla nuova edizione di Una montagna di libri nella valle che resiste è impossibile. Alcuni sono scrittori conosciuti, anche molto conosciuti,  altri esordienti, altri ancora giornalisti, scienziati, vignaioli, militanti nella galassia dei cosiddetti "movimenti", artisti, agronomi e musicisti. Spesso un po' di tutto questo insieme.
Abbiamo più volte dibattuto nelle scorse manifestazioni sull'importanza dell'uso delle parole. Ecco, tutte queste persone sono per certo accomunate da un'unica parola: RESISTENZA.
Sono dei "resistenti": nella vita quotidiana, nella loro attività (che sia la ricerca, la scrittura, l'agricoltura, la scienza, la musica, ....), resistenti all'omologazione dilagante e all'idea distorta di sviluppo e progresso che i cosiddetti poteri forti cercano di imporci, a volte con modi subdoli a volte violenti, ovunque e a tutti i livelli.

Siamo felici di ospitarli in questa edizione della Montagna di libri contro il tav che da quest'anno diventa appunto "Una Montagna di libri nella Valle che resiste".

Di seguito alcuni link per accedere a  maggiori informazioni.



Valerio Evangelisti


Sarà con noi con una video intervista 
e in collegamento Skype sabato pomeriggio





Riccardo Borgogno








Corrado Dottori





Riccardo Humbert











Tullio Bugari





Roberto Gastaldo




Enrico Camanni
blog autore











mercoledì 8 giugno 2016

Sabato 11 giugno Bussoleno Mulino Varesio programma della giornata

ore 9.30   INCONTRO-DIBATTITO SAGGISTICA: 

NARRARE I CONFLITTI, TRAVOLGERE I CONFINI

La lotta NoTav, dal cui grembo nasce “Una montagna di libri”, non è che un momento del millenario conflitto, che vede contrapposti gli abitanti delle “terre alte”, e non solo, ai vari poteri avvicendatisi nei secoli per controllare e sfruttare popoli e territori. La narrazione di tale conflittualità (in tutte le sue forme, dalla parola scritta a quella recitata, dalla musica, al disegno, al teatro…) non è un mero strumento per registrare l’accaduto, ma è essa stessa parte viva e pulsante di quella storia, momento di rielaborazione, coscienza e autocoscienza. La forza dell’immaginario, la sua capacità di rompere recinti e frontiere (tra gli Stati, tra le lingue, tra i generi, tra le epoche…), la sua facoltà di descrivere e al tempo stesso di incidere sul reale, passato presente e futuro…, è questo il tema degli incontri in programma (mattina “saggistica”, pomeriggio “narrativa”), in cui i vari autori, partendo dalle loro più recenti pubblicazioni, si confronteranno in un dibattito aperto, a cui siete tutti invitati a partecipare.

Intervengono:

Collettivo «Mauvaise Troupe» - Contrées. Histoires croisées de la ZAD de Notre-Dame-des-Landes et de la lutte No-TAV dans le Val Susa (Editions de l’éclat 2016)

Roberto Schellino - Mille contadini. Una storia corale delle campagne. Dalle lotte di ieri alle prospettive di oggi (Ellin Selae 2015)

Enrico Camanni - Alpi ribelli (Laterza 2016)

“Nunatak”. Rivista di storie, culture, lotte della montagna

coordina Daniele Pepino (edizioni Tabor - Gérard de Sède, Sette secoli di rivolte occitane, 2016)



ore 15.00   INCONTRO-DIBATTITO NARRATIVA: 

NARRARE GLI INCENDI, BRUCIARE I RECINTI

Valerio Evangelisti - collegamento audio/video

«Carmilla» - Letteratura, immaginario e cultura di opposizione

Marco Rovelli - La guerriera dagli occhi verdi. Vita e morte di Avesta Harun, la curda che sfidò il califfato (Giunti 2016)

Roberto Gastaldo - Rossa come una ciliegia. Parigi si ripopola, Parigi si ribella (Habanero 2016)

Riccardo Humbert - La foto ingiallita. Storia di un partigiano valsusino (Graffio 2016)

Tullio Bugari - L’erba dagli zoccoli. L’altra resistenza: racconti di una lotta contadina (Vydia 2016)

coordina Riccardo Borgogno (scrittore e redattore di Radio Blackout, trasmissione letteraria “La Perla di Labuan”, Il complotto delle statue di cera, Eris Edizioni 2015)




ore 18.00   APERITIVO E PRESENTAZIONE  
in collaborazione con CRITICAL WINE

premiazione del concorso fotografico 2016
"C'E' LAVORO E LAVORO"

presentazione di
Corrado Dottori - Non è il vino dell'enologo. Lessico di un vignaiolo che dissente (DeriveApprodi 2012)


ore 21.30   CONCERTO DEI "LOS FRALIBOS"
da Marsiglia gruppo musicale degli operai della fabbrica autogestita Fralib (ex Lipton) 
a seguire ancora musica con DJ COMPOST
folk beat agricolo e musica da ballo dalla Valpellice

martedì 7 giugno 2016

Venerdì 10 giugno Bussoleno piazza del Mulino: ore 18.00 Paolo Cognetti ore 21.00 Lou Dalfin

 APERTURA CON APERITIVO E BUFFET

Paolo Cognetti


Paolo Cognetti, scrittore, nato a Milano nel 1978.


Dal nome - Capitano mio Capitano - e dai contenuti del suo blog emergono evidenti quali sono i riferimenti, padri e madri letterari, di Paolo Cognetti, e dai suoi molteplici interessi, che spaziano dalla montagna a New York, nascono i suoi lavori.

 



Venerdì 10 giugno alle ore 18.00 
l'autore ne parlerà con noi, in particolare de 
"Il ragazzo selvatico"



blog dell'autore e bibliografia:

2004 - Manuale per ragazze di successo, minimum fax, raccolta di sette racconti.
2007 - Una cosa piccola che sta per esplodere, minimum fax, raccolta di cinque racconti.
2012 - Sofia si veste sempre di nero, minimum fax, romanzo di racconti.
2010 - New York è una finestra senza tende, Laterza, prima parte di una guida alla città di New York.
2013 - Il ragazzo selvatico, Terre di Mezzo, diario di montagna.
2014 - Tutte le mie preghiere guardano verso ovest, Edt, seconda parte di una guida alla città di New York.
2014 - A pesca nelle pozze più profonde, minimum fax, meditazioni sull'arte di scrivere racconti.
   

Venerdì 10 giugno alle ore 21.00 
Sergio Berardo e Paolo Ferrari presentano il libro 
“Lou Dalfin, vita e miracoli dei contrabbandieri 
di musica occitana”

segue concerto acustico

 clicca su foto per collegamento al blog
 Dopo 34 anni di carriera, 13 album e più di 1000 concerti, i Lou Dalfin non hanno certo bisogno di presentazione: musica tradizionale occitana, rivisitata, ribelle, folk, jazz, rock. Strumenti tradizionali con chitarre, batterie, tastiere. Divertimento, invenzione, ricerca.
 
La loro ultima avventura discografica è recentissima (aprile 2016) e si chiama "Musica Endemica".


 
La storia del gruppo più rappresentativo della musica e della cultura delle valli occitane, nonché nome di punta del rock indipendente italiano, non poteva non trovare una narrazione anche letteraria.  Viene pubblicato quindi, nel 2015, ad opera di Paolo Ferrari “Lou Dalfin, vita e miracoli dei contrabbandieri di musica occitana”, Fusta Editore, con la prefazione di Alessandro Perissinotto: una biografia romanzata, in cui la musica diventa il veicolo di un messaggio di resistenza. Tra messaggi di pace e risse sanguigne, polemiche e approfondimenti culturali. 

Venerdì 10 giugno ore 21












 

sabato 4 giugno 2016

10 - 12 GIUGNO 2016 QUINTA EDIZIONE DI UNA MONTAGNA DI LIBRI NELLA VALLE CHE RESISTE


Dopo la trasferta al Vag61 di Bologna nel 2015, Una Montagna di libri contro il tav ritorna in Valle la prossima settimana, da venerdì sera a domenica.


PROGRAMMA COMPLETO

Una montagna di libri nella valle che resiste. Quinta edizione. Valsusa 2016

Sono più di vent’anni che in questa terra è in corso una lotta dalle molteplici componenti e aspirazioni, una lotta radicata nel territorio delle Alpi, nella sua storia e natura; una lotta contro le nocività, le devastazioni ambientali, il modello economico e politico che ne è responsabile; una lotta di resistenza anche contro la criminalizzazione e repressione del movimento NoTav.

Cerchiamo di esplorare sentieri nuovi, ma al tempo stesso antichi, verso un modo di vivere altro, verso un’autogestione del territorio e una rigenerazione del tessuto comunitario, anche attraverso incontri come questo, finalizzato a stimolare il confronto, la riflessione, la conoscenza reciproca, tramite la messa in comune dei saperi nelle loro diverse forme espressive e narrative.

Un viaggio, quest’anno, incentrato sulle resistenze oltre i confini, per abbattere le frontiere tra le “discipline”, che frammentano un sapere di cui è urgente riappropriarci in modo organico, ma anche e soprattutto le frontiere tra gli Stati nazione, che dividono e rinchiudono i popoli, la loro libertà di circolare e di incontrarsi. E per oltrepassare anche le barriere tra le epoche, per riannodare il filo rosso che lega chi si è battuto prima di noi alle resistenze di oggi, affinché la consapevolezza delle nostre radici dia più forza ai progetti e alle battaglie presenti e future.

Questo è «Una montagna di libri»: tre giornate di incontri, dibattiti, banchetti, editoria indipendente, scambi di libri, teatro, concerti, mangiate, bevute, passeggiate… nei luoghi della resistenza NoTav.


VENERDÌ 10 giugno – Bussoleno (piazzetta del Mulino)

ORE 18:00 – Apertura con presentazione e aperitivo

Paolo Cognetti, Il ragazzo selvatico. Quaderno di montagna, Terre di mezzo, 2013



ORE 21:00 – PRESENTAZIONE E CONCERTO ACUSTICO

LOU DALFIN presentano: Lou Dalfin. Vita e miracoli dei contrabbandieri di musica occitana, di Sergio Berardo e Paolo Ferrari (Fusta editore, 2015)


SABATO 11 giugno – Bussoleno (piazzetta del Mulino)

PER TUTTA LA GIORNATA: BANCHETTI DI LIBRI, E NON SOLO, PER IL CENTRO STORICO DI BUSSOLENO

 La lotta No-Tav, dal cui grembo nasce “Una montagna di libri”, non è che un momento del millenario conflitto, che vede contrapposti gli abitanti delle “terre alte”, e non solo, ai vari poteri avvicendatisi nei secoli per controllare e sfruttare popoli e territori. La narrazione di tale conflittualità (in tutte le sue forme, dalla parola scritta a quella recitata, dalla musica, al disegno, al teatro…) non è un mero strumento per registrare l’accaduto, ma è essa stessa parte viva e pulsante di quella storia, momento di rielaborazione, coscienza e autocoscienza. La forza dell’immaginario, la sua capacità di rompere recinti e frontiere (tra gli Stati, tra le lingue, tra i generi, tra le epoche…), la sua facoltà di descrivere e al tempo stesso di incidere sul reale, passato presente e futuro…, è questo il tema degli incontri in programma (mattina “saggistica”, pomeriggio “narrativa”), in cui i vari autori, partendo dalle loro più recenti pubblicazioni, si confronteranno in un dibattito aperto, a cui siete tutti invitati a partecipare.



ORE 9:30 – «NARRARE I CONFLITTI, TRAVOLGERE I CONFINI» (saggistica):

Collettivo «Mauvaise Troupe» - Contrées. Histoires croisées de la ZAD de Notre-Dame-des-Landes et de la lutte No-TAV dans le Val Susa (Editions de l’éclat 2016)

Roberto Schellino - Mille contadini. Una storia corale delle campagne. Dalle lotte di ieri alle prospettive di oggi (Ellin Selae 2015)

Enrico Camanni - Alpi ribelli (Laterza 2016)

“Nunatak”. Rivista di storie, culture, lotte della montagna

coordina Daniele Pepino (edizioni Tabor - Gérard de Sède, Sette secoli di rivolte occitane, 2016)



ORE 15:00 – «NARRARE GLI INCENDI, BRUCIARE I RECINTI» (narrativa):

Valerio Evangelisti - collegamento audio/video

«Carmilla» - Letteratura, immaginario e cultura di opposizione

Marco Rovelli - La guerriera dagli occhi verdi. Vita e morte di Avesta Harun, la curda che sfidò il califfato (Giunti 2016)

Roberto Gastaldo - Rossa come una ciliegia. Parigi si ripopola, Parigi si ribella (Habanero 2016)

Riccardo Humbert - La foto ingiallita. Storia di un partigiano valsusino (Graffio 2016)

Tullio Bugari - L’erba dagli zoccoli. L’altra resistenza: racconti di una lotta contadina (Vydia 2016)

coordina Riccardo Borgogno (scrittore e redattore di Radio Blackout, trasmissione letteraria “La Perla di Labuan”)



ORE 18:00 – APERITIVO E PRESENTAZIONE – in collaborazione con «Critical wine»:

Premiazione di «C’è lavoro e lavoro», concorso fotografico a cura di “Critical Wine” 2016

Corrado Dottori, Non è il vino dell’enologo. Lessico di un vignaiolo che dissente (DeriveApprodi 2012)



ORE 21:30 – CONCERTO DEI “LOS FRALIBOS” (da Marsiglia)

(gruppo musicale degli operai della fabbrica autogestita Fralib, ex Lipton, Marsiglia)

A seguire: musica con Dj Compost, folk beat agricolo e musica da ballo…



DOMENICA 12 giugno

ORE 10:00 – PASSEGGIATA E INTERVENTI TEATRALI IN CLAREA (Ritrovo al presidio No Tav di Venaus)

Spettacolo: «3 luglio 2011. Ricordi di una giornata di lotta», di Paola Francesca Iozzi, 2016

Letture sparse a cura dell’associazione “Artemuda”



ORE 16:00 – INCONTRO e DIBATTITO (Presidio NoTav Venaus)

Esperienze di autogestione: Incontro con operai francesi (della fabbrica Fralib, ex Lipton, Marsiglia), argentini (della fabbrica Zanon), italiani (della fabbrica Rimaflow, Trezzano sul Naviglio) su lotta e autogestione in fabbrica.





La fiera dell’editoria indipendente, con gli stand delle case editrici e vari banchetti di libri e non solo, si svolgerà per tutta la giornata di sabato, dalle 9:30 fino a sera, nelle strade del centro storico di Bussoleno (con spazi al coperto in caso di pioggia).

Anche quest’anno sarà presente una postazione di libero baratto per lo scambio di libri usati (siete tutti invitati a portare libri da scambiare).

Sarà inoltre presente il banchetto della «Cassa anti-repressione delle Alpi occidentali», per la promozione della campagna: «Pagine contro la tortura» (https://paginecontrolatortura.noblogs.org).


Per contatti, informazioni aggiornamenti:

montagnadilibrinotav.blogspot.it

tabor@autistici.org - librerialacittadelsole@yahoo.it

facebook: libri contro il tav





Organizzano:

Libreria “La città del sole”, Edizioni Tabor, Osteria “La Credenza”, “Carmilla”, Associazione “Artemuda”, 19coop.




giovedì 5 maggio 2016

Critical Wine e Montagna di libri contro il tav

domenica 8 maggio ore 15.30 
 Bussoleno Mulino Varesio
presentazione del libro fumetto di Corrado Bianchetti, da una storia vera
edito da Corracomics

Corrado Bianchetti Non ti scordar di me

Corrado Bianchetti è nato ad Ivrea (To) nel 1987, da una famiglia di artisti da cui ha appreso ed ereditato la passione per il disegno. Da qui il Diploma in Design al Liceo e presso la Scuola internazionale del fumetto, e la Laurea in Pittura conseguita nell’Accademia albertina di Belle arti.  Vive attualmente a Castellamonte.

Dall’ambiente familiare non ha ereditato soltanto una passione con ragguardevoli risvolti professionali, come grafico, ma anche i valori e la memoria, quella memoria rituale e collettiva, perorata con la partecipazione alle celebrazioni ufficiali, e quella particolare del proprio ambiente. Nella fattispecie di un prozio, Aldo Porta, fucilato dai nazifascisti il 7 aprile 1944. Quella di Aldo è una storia tra le tante. Un giovane cresciuto nel fascismo, la chiamata alle armi, la routine, nel suo caso, del presidio di guardia sulle coste liguri e poi lo spartiacque dell’8 settembre, quando gli italiani in divisa sono lasciati allo sbando e, sotto quelle uniformi, si scoprono migliaia di persone con una propria coscienza che il regime aveva intaccato solo formalmente, o a livello epidermico. Da ciò la Resistenza, dapprima dei soldati che si rifiutano di consegnarsi ed arrendersi ai tedeschi e poi, immediatamente, delle bande partigiane, con l’accorrere della popolazione, a vario titolo, alla Guerra di civiltà. Porta consuma la sua esperienza resistenziale in Piemonte, nel Torinese, tra la Valle Po e la Val Pellice, luoghi che trasudano d’una secolare, eretica, fierezza, fino all’arresto, al calvario del percorso che conduce i partigiani al tragico epilogo. A fare da filo conduttore, una passione amorosa, una vicenda privata e nello stesso tempo comune. 
Il progetto Non ti scordar di me è il frutto di tre  anni di lavoro e ricerche e che è basata sulle testimonianze di chi ha partecipato alla Resistenza e alla lotta per la Liberazione.

Corrado si propone di “voler far entrare nelle case la sua arte attraverso il fumetto”, oltre l’accademia e i circuiti professionali. E non si tratta di mera retorica di maniera, poiché da queste strisce, con gli abili ritratti dei personaggi lì e lì per diventare quasi carne viva e i luoghi che sembrano in procinto di prender forma, emergono una sensibilità e un’umanità fuori dal comune, elemento indispensabile per una divulgazione popolare e di qualità.

da il pane e le rose 14 marzo'16

domenica 1 maggio 2016

Critical Wine 2016 6-7-8 maggio a Bussoleno

Vino e non solo il prossimo fine settimana a Bussoleno con l'edizione 2015 del Critical Wine.

Tra una degustazione e l'altra, non mancate le mostre e la presentazione del libro fumetto "Non ti scordar di me" di Corrado Bianchetti, a cura di Una Montagna di libri contro il tav e della sezione ANPI di Bussoelno-Foresto-Chianocco e Chiomonte AVS.